Il Canale Meana

La nuova centrale elettrica

al ponte delle Benne

Nell’estate 2017 è iniziata in lungo Dora Savona la costruzione di una minicentrale idroelettrica ad acqua fluente che utilizza la traversa dell’ex canale del Regio Parco. La progettazione esecutiva è stata eseguita dalla S.R.I.A.-Studio Rosso Ingegneri Associati di Torino, per conto della Società Energie Rinnovabili Torino s.r.l.

Progetto della centrale idroelettrica del Regio Parco - Fonte: S.R.I.A.

In alto: la sezione della centrale.

A sinistra: la planimetria mette in evidenza la presa e lo scarico dell'impianto

A destra: l'edificio esterno dall'impatto molto limitato sull'ambiente urbano circostante

LA  CENTRALE IDROELETTRICA ULTIMATA E OPERATIVA

cliccare sulle frecce per scorrere le immagini e sulle immagini per ingrandirle

Per creare un adeguato salto idraulico si è provveduto alla parziale demolizione dello sbarramento esistente, al suo abbassamento di circa 0,7 m e all’installazione di un sopralzo gonfiabile della lunghezza di 47.5 m e altezza di 1.6 m, totalmente abbattibile in caso di piena. La presa della centrale è localizzata a monte dello sbarramento e lo scarico immediatamente a valle. Essa è protetta da un para-tronchi e dotata di tre luci munite di paratoie a scomparsa per la regolazione del flusso e la completa interruzione in caso di manutenzione dell’impianto o di piena del fiume. Sulla destra della traversa sono stati ricavati un passaggio per l’ittiofauna e un condotto sghiaiatore. A valle della traversa si è prolungato il corazzamento del fondo con massi ciclopici per limitare i fenomeni erosivi estendendolo al fondo dello sbocco del canale di scarico e della scala di risalita dei pesci.

La centrale è posta in c.so Savona, poco dopo la stazione GTT di via Fiochetto ed è dotata di una turbina Kaplan a bulbo di potenza nominale di 248,6 kW e massima di 450 kW. Sfruttando un salto nominale di 2,40 m essa produrrà in media da 1.925 a 2.500 MW/h annui. A regime frutterà alle casse pubbliche oltre 1.400.000 euro annui, di cui l’80% destinato a quelle comunali.

I DATI DELL'IMPIANTO

Fonte: Provincia di Torino - Determinazione del Dirigente del Servizio

Tutela e Valutazioni Ambientale, cit.

IL CANTIERE

cliccare sulle frecce per scorrere le immagini e sulle immagini per ingrandirle

La tabella di marcia dei lavori ha previsto diverse fasi:

  • la prima fase di cantiere ha comportato la modifica temporanea della viabilità locale e lo spostamento dei sottoservizi interferiti con le lavorazioni

  • La seconda fase la realizzazione delle opere propedeutiche alle lavorazioni in sicurezza al locale centrale: sarà realizzata una tura in alveo a ridosso della sponda a protezione dell’imbocco e dello scarico della centrale e si prevede la realizzazione delle paratie di micropali per il sostegno degli scavi

  • La terza fase la realizzazione delle strutture in c.a. in sponda destra (locale centrale, canale di scarico, canale sghiaiatore)

  • In una fase successiva, avviata in periodo di magra dell’alveo, si è passato alla realizzazione della tura per la deviazione della corrente all'interno del locale centrale e agli interventi necessari per l’installazione dello sbarramento abbattibile, della paratoia a ventola e della scala di risalita delle specie ittiche.

  • Infine si è concluso con la demolizione delle ture, l’installazione delle opere elettromeccaniche di centrale, la sistemazione delle aree superficiali, la realizzazione degli interventi compensativi, il ripristino dei sottoservizi ed infine lo smantellamento del cantiere.

 

L’arco temporale necessario per il completamento dei lavori, stimato in 10 mesi, è stato rispettato e la centrale è entrata in produzione nella prima metà del 2018.

 

Con piacere, infine, si constata che fra le opere di compensazione previste rientrano la pulizia e il ripristino delle vecchie paratoie del canale del Regio Parco, riconosciute finalmente “opere di valore documentario e ambientale di un raro esempio di canalizzazione nella Torino Paleoindustriale e pertanto strutture di importante valenza storica e culturale che si ritiene debbano essere mantenute, preservate e oggetto di pubblica esposizione”. (1)

 

_____________________________________________________________

(1) Cfr. Provincia di Torino, Determinazione del Dirigente del Servizio Tutela e Valutazioni Ambientali… op. cit.

PER APPROFONDIRE:

 

- Provincia di Torino, Determinazione del Dirigente del Servizio Tutela e Valutazioni Ambientali N. 10-42694/2014. Istruttoria interdisciplinare della fase di verifica ai sensi dell'art. 10 della L.R. 40/1998 e s.m.i., relativa al progetto “Adeguamento traversa derivazione canale Regio Parco con realizzazione mini centrale sul fiume Dora Riparia".

(Scaricabile QUI)

- Regione Piemonte 06/08/2015 - Citta' Metropolitana di Torino, Servizio risorse idriche. Domanda in data 19/6/2015 di Morghen '93 srl di concessione di derivazione d'acqua ad uso energetico dal T. Dora Riparia in Comune di Torino.

(Scaricabile QUI)

Aprile 2018 - Il cantiere è ancora aperto, ma i lavori alla traversa sono terminati. Le bocche di carico sotto il pelo dell'acqua ed il flusso che esce dallo scaricatore lasciano supporre siano iniziati i collaudi e che presto l'impianto potrà entrare in esercizio. A lavori ultimati è facile rendersi conto dell'entità del salto utilizzato dalla centrale idroelettrica.

© copyright 2018 - www.icanaliditorino.it - by Mauro Lavazza - Tutti i diritti riservati - Ultimo aggirnamento del sito: 12/11/2019

Attenzione: Le immagini e le carte pubblicate sono riproducibili solo con l'autorizzazione degli enti che ne detengono i diritti.